La fisioterapia in questo settore prevede molteplici approcci a seconda della tipologia del paziente che della malattia manifestata. Non esistono protocolli standardizzati se non in fase acuta e dopo un intervento chirurgico, ma nel paziente neurologico cronico tutto sta nel capire quali sono le capacità residue e sfruttarle al meglio a proprio favore. Vengono trattati pazienti con ictus, atassia, parkinson, sla, sclerosi multipla, radicolopatie, paraplegia ed emiplegica, demenze, traumi cranici, sindromi midollari e paresi facciali e con diversi approcci sia di facilitazione neuromotoria che di inibizione muscolare. Si rieduca alla deambulazione e al raggiungimento di obiettivi quali l’indipendenza funzionale e l’autonomia nella vita quotidiana con o senza l’uso di ausili ortopedici.